Avviso Carta d’Identità elettronica

Dall’08.10.2018  presso l’Anagrafe del Comune di Alfedena è attivo il nuovo servizio di rilascio della Carta Elettronica di Identità.

La nuova Carta di Identità oltre ad essere strumento di identificazione del cittadino, è anche un documento di viaggio in tutti i paesi appartenenti all’Unione Europea e in quelli con cui lo Stato italiano ha firmato specifici accordi. Il supporto fisico della C.I.E. è dotato di un microprocessore per la memorizzazione delle informazioni necessarie per la verifica dell’identità del titolare, inclusi gli elementi biometrici primari (fotografia) e secondari (impronta digitale).

Il processo di emissione della C.I.E. è gestito direttamente dal Ministero dell’Interno; la consegna avviene entro sei giorni lavorativi dalla data della richiesta allo sportello anagrafe del Comune.
Il progetto della nuova C.I.E. è finalizzato ad incrementare i livelli di sicurezza dell’intero sistema di emissione attraverso la centralizzazione del processo di produzione, personalizzazione e stampa della C.I.E., a cura dell’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, nonché mediante l’adeguamento delle caratteristiche del supporto agli standard internazionali di sicurezza e a quelli anticlonazione ed anticontraffazione in materia di documenti elettronici.

La nuova C.I.E. prevede anche la facoltà per il cittadino maggiorenne di indicare il consenso o il diniego alla donazione di organi e/o tessuti in caso di morte.

Per richiedere la C.I.E. bisogna essere iscritti nell’anagrafe della popolazione residente nel Comune di Alfedena

I cittadini residenti in altro Comune Italiano possono chiedere la carta di identità, solo per gravi e comprovati motivi di impossibilità a recarsi presso il proprio Comune di residenza. Solo in seguito alla trasmissione del nulla Osta al Comune di Alfedena da parte del comune di residenza, sarà possibile procedere alla richiesta della carta di identità.

N.B. Il genitore con figli minori che faccia richiesta di Carta di Identità valida per l’espatrio si deve munire dell’assenso scritto del coniuge (art. 3 Legge 1185/1967 e successive modificazioni). Ciò vale anche nel caso in cui il richiedente sia divorziato o separato. Con l’assenso dell’altro coniuge vengono tutelate le esigenze del minore al fine di scongiurare il pericolo che un genitore, recandosi all’estero, non adempia ai propri doveri,  costituzionalmente garantiti ( art. 30) di mantenere, istruire ed educare i figli, anche naturali.

Modalità di richiesta

Il cittadino può chiedere la C.I.E. al Comune di residenza o di dimora nei casi di primo rilascio, deterioramento, smarrimento o furto del documento di identificazione.
La richiesta della C.I.E. può essere effettuata:

presentandosi personalmente allo sportello anagrafe del Comune di Alfedena in Via Luigi De Amicis n. 3 negli orari di apertura ( Da Lunedi a Venerdi mattina dalle ore 9,00 alle 12,00 e martedi e  giovedi pomeriggio dalle 15,30 alle 17,00

  E’ preferibile  concordare telefonicamente un appuntamento, al n. 0864.87114,( tenendo conto che il tempo necessario all’acquisizione dei dati si avvicina ai 20 minuti)

 Per richiedere la carta di identità elettronica è necessario presentarsi personalmente presso l’ufficio muniti di

– n. 1 foto tessera recente in formato cartaceo o elettronico su un supporto USB (formato png o jpeg, risoluzione di almeno 400 dpi, dimensione massima non superiore a 500 kb);

– Tessera sanitaria;

– Precedente documento in scadenza/scaduto/deteriorato oppure, in caso di furto o smarrimento è necessario presentare copia della denuncia.

La carta di identità scaduta o in scadenza deve essere obbligatoriamente consegnata allo sportello: in caso di furto o smarrimento o deterioramento ( tale da non permettere il riconoscimento del numero della carta) del vecchio documento occorre presentarsi allo sportello con la denuncia resa presso le competenti Autorità Italiane ( Commissariato di Polizia o Stazione Carabinieri).
Nel caso non si abbia alcun documento identificativo occorre presentarsi allo sportello con due testimoni con documenti validi.
I cittadini non comunitari devono presentare anche l’originale del permesso di soggiorno valido o la copia del permesso di soggiorno scaduto con l’originale della ricevuta attestante l’avvenuta richiesta di rinnovo presentata prima della scadenza del permesso di soggiorno o entro sessanta giorni dalla scadenza dello stesso.

Iter procedura

Il rinnovo può essere effettuato a partire da 180 giorni prima della scadenza della validità.
Il cittadino dovrà presentarsi presso lo sportello anagrafe.
Al termine delle operazioni di inserimento e verifica dei dati, lo sportello rilascerà al cittadino stesso la ricevuta della richiesta della C.I.E. (tale ricevuta non costituisce in alcun modo documento di identificazione o riconoscimento).
La consegna della C.I.E., a cura del Ministero dell’Interno, avverrà entro sei giorni lavorativi all’Ufficio Anagrafe del Comune o presso l’indirizzo indicato dal cittadino all’atto della richiesta. Può anche essere indicato un delegato al ritiro.

N.B.: ai cittadini Comunitari e cittadini Stranieri non Comunitari la carta di identità viene rilasciata non valida ai fini dell’espatrio. La competenza dell’atto finale spetta all’Ufficiale di Anagrafe.

Costi

Il corrispettivo è fissato dall’art. 1 del decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 25 maggio 2016.
Le somme complessivamente dovute dagli utenti per le due ipotesi fondamentali di rilascio della nuova C.I.E., sono così riassunte:

rilascio di nuova C.I.E: corrispettivo € 22,00

(Corrispettivo di competenza Ministero dell’Interno € 16,79; Diritto fisso comunale € 5,21

 –Deliberazione di Giunta Municipale n.56 del 13.09.2018-)

L’importo sarà riscosso dall’Ufficiale di Anagrafe, all’atto della richiesta allo sportello, della Carta di Identità Elettronica, in contanti.

Per rilascio Carta di identità cartacea per casi eccezionali e comprovati

corrispettivo € 5,42 –G.M. N.56 del 13.09.2018;

rilascio duplicato (smarrita, deteriorata, furto) € 27,00 (€  16.79 Corrispettivo Ministero; € 10,21 Diritto fisso comunale ) G.M. N.56 del 13.09.2018)

La carta di identità non perde la sua validità se il cittadino ha cambiato indirizzo o residenza.

Non esiste un limite di età per chiedere il rilascio della carta di identità, ma solo un differente periodo di validità:

vale 3 anni per i minori di 3 anni
vale 5 anni per i minori di età compresa fra 3 e 18 anni
vale 10 anni per i maggiori di 18 anni
Dal 9 febbraio 2012 sono rilasciati o rinnovati con validità fino alla data, corrispondente al giorno e mese di nascita del titolare, immediatamente successiva alla scadenza che sarebbe altrimenti prevista per il documento medesimo.

Avvertenze

La carta di identità non deve essere alterata o modificata perché perde validità.
La plastificazione ( o altro tipo di alterazione del documento come la modifica o aggiunta di dati eseguita autonomamente) non consente la verifica dell’autenticità del documento.

Consegna

La C.I.E. viene consegnata, a cura del Ministero dell’Interno entro sei giorni lavorativi, direttamente al cittadino, all’indirizzo indicato dal cittadino stesso al momento della richiesta allo sportello Anagrafe.
Se il cittadino non venisse trovato all’indirizzo precedentemente indicato, la C.I.E. resta in giacenza all’Ufficio Postale 15 giorni solari ( a partire dal 4° giorno solare successivo al rilascio dell’avviso)
Nel caso in cui la C.I.E. non sia stata ritirata dal cittadino richiedente ( o suo delegato ) dall’Ufficio Postale torna alla sede del Ministero dell’Interno.

 Il cittadino troverà tutte le informazioni utili relative alla C.I.E. collegandosi al sito http://www.cartaidentita.interno.gov.it

                                                                                              IL SINDACO

                                                                                       Ing. Massimo SCURA

image_pdfimage_print

Commenti chiusi.